Discorso alla Città 2024: «Per una città a misura di ragazzi»

L’appuntamento è per martedì 30 aprile, a partire dalle ore 20.00, nella Cattedrale di Nocera Inferiore.

«Per una città a misura di ragazzi» è il titolo del Discorso alla Città del vescovo mons. Giuseppe Giudice.

Come ogni anno, il Discorso sarà pronunciato il 30 di aprile, in apertura del novenario in onore di san Prisco, patrono della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno e della Città di Nocera Inferiore.

L’appuntamento è, dunque, per martedì 30 aprile, a partire dalle ore 20.00, nella Cattedrale di Nocera Inferiore.

La riflessione si sviluppa a partire dal passo biblico «Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge… non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui» tratto dal libro di Samuele.

Il Discorso è rivolto a tutto il territorio, la Città dell’Agro, come ha più volte ribadito il Vescovo, consapevole «che tante sono le città, ognuna con le sue luci e le sue ombre; e all’interno della stessa città tante sono le sfumature dei colori, le differenze, le storie, le periferie, le culture, le prospettive e i sogni».

Il Discorso alla Città, «non mortificando la ricchezza del mosaico e del poliedro, vuole essere, secondo la prospettiva del Pastore della Diocesi, un suggerimento per indicare un punto centrale, un’anima, una parola di sintesi, capace di armonizzare la bellezza e i limiti delle diverse realtà».

All’incontro sono state invitate le autorità civili e militari del territorio.

Considerato il tema, un invito particolare è rivolto al mondo della scuola attraverso i dirigenti scolastici e gli insegnanti.

Il Discorso alla Città 2024 sarà animato dalla corale “San Biagio” di San Marzano sul Sarno diretta dal maestro Pietro Russo e dal coro di voci bianche “In Voices” dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Baccelli” di Sarno diretto dalla professoressa Angela Pappacena.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts
Leggi tutto

Tutti i “santi” o tutti i “Santi”?

Santi con la Esse Maiuscola o santi con la esse minuscola? Non solo per avvallare una tendenza inclusiva e quindi stare sull’orlo della moda corrente ma per sottolineare come, davvero, nel mondo misterioso che l’annuncio evangelico ci pone dinnanzi agli occhi, santi e Santi coesistano e vibrino all’unisono.