Suor Claudia Benigno è la nuova priora di Sant’Anna a Nocera Inferiore

Il Monastero ha una storia secolare, la sua fondazione risale al 1282.
Suor Claudia Benigno – foto sito monasterosantanna.org

Suor Claudia Benigno è la nuova priora della comunità monastica di Sant’Anna a Nocera Inferiore.

Il capitolo elettivo delle suore domenicane, guidato dai Padri Predicatori, ha indicato il nome della religiosa originaria di Nocera Inferiore.

Suor Claudia Benigno succede alla guida del Monastero contemplativo ad un’altra nocerina, suor Cecilia Benevento.

La nuova priora a marzo compirà 46 anni ed è nativa del rione nocerino di Piedimonte. È stata chiamata a guidare un gruppo di una decina di religiose eterogeneo dal punto di vista anagrafico.

Suor Cecilia Benevento e suor Claudia Benigno durante la registrazione della trasmissione Acqua viva

A suor Claudia il compito di portare avanti un Monastero che ha una storia secolare, la fondazione risale al 1282. Uno scrigno di storia e di arte. Sono stupende le opere pittoriche di varie epoche conservate all’interno della chiesa e dell’intero complesso monastico.

La vita monastica

La vita delle monache è scandita da un calendario molto preciso, sulla base degli elementi che caratterizzano la spiritualità dell’Ordine dei Predicatori.

La salita del Monastero di Sant”Anna a Nocera Inferiore

Questi elementi sono: la vita comune; la celebrazione della liturgia; le orazioni segrete; la predica dei voti; lo studio della Sacra Verità.

Per il proprio sostentamento, il Monastero di Sant’Anna è anche un centro di produzioni artigianali molto apprezzato.

Fortissima è la devozione alla patrona del Monastero, la mamma della Vergine Maria e nonna di Gesù Bambino, che ha il suo culmine il 26 luglio.

A sant’Anna ricorrono le partorienti, a cui poi affidano i neonati.

A Nocera Inferiore è tradizione passare in monastero per la benedizione dei bambini e della famiglia appena usciti dall’ospedale o nei primissimi giorni successivi alla dimissione.

Una bella consuetudine che resiste alla secolarizzazione che interessa anche le nostre realtà.

La storia delle monache domenicane

Le monache domenicane dell’Ordine dei Predicatori hanno avuto inizio quando san Domenico di Guzman riunì alcune donne convertite alla fede cattolica e le associò al suo ministero di predicazione.

«Con la loro vita dedicata totalmente alla contemplazione, le monache intendono conseguire, verso Dio e verso il prossimo, la carità perfetta, efficace a curare e procurare la salvezza degli uomini», si legge sul sito internet della comunità religiosa.

Suor Claudia Benigno

La notizia della elezione di suor Claudia Benigno, molto nota e stimata dalla comunità diocesana, è stata accolta con grande piacere.

Molteplici gli attestati che ha ricevuto da più parti. Tra i primi, ci sono gli auguri della parrocchia di San Bartolomeo Apostolo in Nocera Inferiore, di cui è originaria la neonominata priora.

«Grande onore e gioia per tutti noi. Sostenuti dalla vita oblativa ed orante delle monache assicuriamo loro il nostro affetto e la nostra preghiera», si legge sulla pagina Facebook della comunità guidata dal parroco don Giuseppe Villani, insieme al vice don Domenico Petti.

Allo stesso tempo, forte il senso di gratitudine nei confronti della priora emerita.

Suor Cecilia Benevento lascia una grande testimonianza di amore, servizio e adesione al carisma domenicano e alla Chiesa.

Sentimenti di gratitudine a suor Cecilia cui si associa la nostra redazione.

Allo stesso tempo auguriamo a suor Claudia di servire Cristo e la Chiesa con spirito di comunione, carità e fraternità ispirata dalla maternità e tenerezza di sant’Anna.

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati
Leggi tutto

Acqua è vita

Il 22 marzo si celebra la Giornata mondiale dell’acqua, ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 e che ci impone di riflettere sul consumo consapevole e la salvaguardia di una risorsa vitale.