Come riparte la scuola?

Scuola: si riparte con regole chiare in tema di sicurezza sanitaria. Un solo aspetto è avvolto ancora dall’incertezza, il distanziamento.

Il Protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e i sindacati per garantire l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022 in sicurezza, pubblicato il 14 agosto, ribadisce in buona sostanza tutti i punti già noti dallo scorso anno: ingressi e uscite scaglionati, uso di mascherine, igiene delle mani.

Un solo aspetto è avvolto ancora dall’incertezza. In merito alle «disposizioni relative alla misura di distanziamento», si legge che «si prevede il rispetto di una distanza interpersonale di almeno un metro qualora logisticamente possibile».

È plausibile, pertanto, un sentimento di preoccupazione da parte di quelle istituzioni in cui non sia «logisticamente possibile» assicurare il distanziamento ed è noto che la maggioranza degli istituti scolastici italiani sono interessati da questa limitazione.

Ma il punto chiave, che genera aspettative, da decenni ormai, è l’abbattimento delle classi numerose. Considerato che le norme vigenti consentono classi con un range di studenti minimo e massimo compreso tra 15 e 27, il ministro Patrizio Bianchi ha illustrato, con dati alla mano naturalmente, che le classi “pollaio”, con più di 27 studenti, rappresentano solo il 3% su tutto il territorio nazionale, mentre quelle con meno di 15 studenti sono il 13%.

Le situazioni di disagio interessano soprattutto gli Istituti tecnici delle grandi città.

«Abbiamo la conoscenza millimetrica del problema – ha rassicurato il ministro – e ci stiamo lavorando con interventi mirati». In arrivo, quindi, fondi alle scuole: un intervento una tantum di 22 milioni di euro indirizzati solo alle istituzioni scolastiche che risponderanno ai parametri emanati dal Dicastero.

Un pizzico di delusione in tutti. Ancora un intervento emergenziale e non strutturale dell’organizzazione didattica italiana.

Total
38
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati