Cercare e trovare i punti di sintesi

L’editoriale del numero di giugno.

L’editoriale del direttore Salvatore D’Angelo del numero di giugno di Insieme, in distribuzione.

«Cercare e trovare i punti di sintesi». Del discorso di Sergio Mattarella per i 75 anni della Repubblica mi ha colpito questo passaggio. In realtà, sono numerosi gli incisi che andrebbero ricopiati e scolpiti nel vissuto quotidiano di cittadini e istituzioni. Il richiamo alle rispettive responsabilità, che vanno correlate con quelle della collettività, dovrebbe essere il punto di partenza per ogni cosa e attività.

Il capo dello Stato fa riferimento alle donne e agli uomini della Costituente, alla loro lungimiranza e al loro coraggio. Spostando in avanti le lancette dell’orologio, viene da dire che anche noi dovremmo cercare e trovare i punti di sintesi. È un esercizio di dialogo. Difficile in un mondo vittima delle polarizzazioni? Settantacinque anni fa non erano certo di meno, forse solo diverse. È necessario rimboccarsi le maniche e prestare ascolto. Quell’Italia usciva da due guerre sanguinose. Noi siamo superstiti della crisi sanitaria divenuta economica e sociale. «Come lo fu allora, questo è tempo di costruire il futuro», ha esortato il presidente della Repubblica.

Un appello accorato nel suo ultimo discorso del 2 giugno. Tra poco più di un semestre il Parlamento sarà chiamato a scegliere il successore. Come lo farà? L’auspicio è che sappia cercare e trovare punti di sintesi.  La Costituzione, i diritti e i doveri, la democrazia e la libertà saranno la bussola.

Ma non basta solo evocare i principi, è doveroso viverli. Nessuno dice che sarà una passeggiata e che l’esito è scontato. Risollevare il Paese è possibile. Lo dobbiamo a noi stessi, al sacrificio di chi ci ha preceduto, al futuro che ha il volto dei nostri figli. L’Italia è la nostra casa comune, dobbiamo averne rispetto e cura. Prepariamoci a scrivere e a vivere i capitoli nuovi di questa storia che ha gli italiani come protagonisti.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati