“La Chiesa che sogniamo”, il convegno delle presidenze diocesane di Azione Cattolica

Dal 24 al 27 agosto i delegati dell’Azione Cattolica si sono ritrovati a Castel Gandolfo. Presente anche l’AC della nostra diocesi.
La delegazione dell’Azione Cattolica diocesana presente al convegno di Castel Gandolfo. Da sinistra Giovanna Marsico, Nunzia Di Palma, la presidente Anna Aprea, Fabio Cascone, Michele Annarumma

Dal 24 al 27 agosto ha avuto luogo a Castel Gandolfo il Convegno delle presidenze diocesane dell’Azione Cattolica Italiana, dal titolo “La Chiesa che sogniamo”. Un weekend in cui l’Azione Cattolica ha provato a riflettere su quali cambiamenti ecclesiali e sociali stanno caratterizzando il nostro tempo e in che modo i laici di AC possono continuare a portare frutto nella vita delle comunità ecclesiali e delle città.

Presente a Castel Gandolfo anche una significativa delegazione dell’Azione Cattolica della diocesi di Nocera Inferiore-Sarno.

Una parte dei delegati presenti a Castel Gandolfo per il convegno delle presidenze diocesane dell’AC

Una tappa in cui ci si è fermati a riflettere sui quattro aspetti dell’essere laici di Azione Cattolica nella Chiesa di oggi: la gratitudine al Signore per la nostra esperienza di fede, il radicamento in Cristo e sul territorio, il prendersi cura della Chiesa e dei fratelli, la “generatività”.

Zuppi e Ciotti tra i relatori del convegno

È stata un’occasione per fare esperienza di Chiesa sinodale, in cui abbiamo avuto modo di vivere dei “cantieri sinodali” con una rappresentanza dei nostri Pastori, per ripensare insieme la vita ecclesiale delle nostre diocesi. Nei “cantieri sinodali” abbiamo “impastato” insieme ai vescovi quella malta che ci permetterà di costruire il futuro della Chiesa di oggi.

I “cantieri sinodali” vissuti dai delegati insieme ai vescovi presenti a Castel Gandolfo

Il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ci ha detto: «La Chiesa che sogniamo ha bisogno del contributo dell’AC. Un’AC pronta a mettersi in gioco, come ha sempre fatto nel corso della sua storia». Questo ci ha consentito di aprirci a nuove prospettive ecclesiali sapendo leggere i nostri tempi.

L’incontro con don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, ci ha aiutato a leggere la realtà e il territorio che abitiamo, spingendoci a non restare indifferenti di fronte alle ingiustizie quotidiane, perché, come ha affermato don Ciotti, «l’ultima mafia è sempre la penultima».

Le conclusioni del presidente Notarstefano

Nel concludere il convegno il presidente nazionale Giuseppe Notarstefano ha dichiarato: «Sono stati giorni in cui abbiamo riscoperto di essere un’associazione bella, dove bello non vuol dire idealizzare il proprio essere, ma responsabilizzare le energie positive dei tanti giovani, adulti e ragazzi che sanno sognare, che hanno una visione di futuro; un futuro che sa abbracciare e condividere. Una visione che tutti siamo chiamati, a nostra volta, ad accompagnare e sostenere».

La delegazione diocesana insieme ad altri delegati presenti al convegno nazionale

«Come Vittorio Bachelet si fece carico del sogno di una AC in grado di “sposare” il suo tempo attraverso un processo di rinnovamento e tante intuizioni – ha continuato il presidente nazionale -, noi oggi siamo chiamati ad abbracciare il nostro tempo e ad amarlo per quello che è, con le sue sofferenze ma anche con la sua voglia di risposte e la sua sete di speranza».

«Andare oltre le sterili analisi»

«Impariamo dunque ad andare oltre le sterilità delle facili quanto spesso inutili analisi fini a sé stesse e immergiamoci nella profondità dei problemi, nella storia delle persone, amandole e amando la concretezza delle loro vite. Il servizio associativo è occasione di accompagnamento delle persone, non lasciandole mai sole. Perché l’AC si costruisce nel cuore e non nelle sacrestie», è stato il monito di Notarstefano.

Ed il presidente ci ha stimolato anche a riflettere sul nostro stile associativo e di cristiani. Dobbiamo avere uno stile alto, dobbiamo vigilare sulla nostra Costituzione, essere in continuo lavoro e rendendosi quotidianamente parte attiva, per ed edificare la res pubblica: «Siamo capaci di sognarlo, o meglio, siamo ancora capaci di farlo insieme?».

Michele Annarumma e Nunzia Di Palma Azione Cattolica diocesana Nocera Inferiore – Sarno

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts
Leggi tutto

Halloween. Fabris: “Ci solleva da un impegno per una società buona e giusta”

Con questa festa “la morte viene esorcizzata e dunque non fa più paura perché viene depotenziata, resa quasi normale, non è riconosciuta più come tale, viene ridotta allo scheletrino o alla streghetta. Se viene depotenziato ciò che per l’essere umano è il vero segno del suo limite, della sua tragedia, questo è il punto vero, non c’è più bisogno di redimere l’essere umano da questo male”, spiega l’esperto.