“Non è vero ma ci credo”: serata benefica a Sarno

Sport, solidarietà e spettacolo andranno in scena sul palco del teatro “De Lise” di piazza 5 Maggio e in diretta tv su Canale 95. Condurrà la serata Nello Odierna

“Non è vero ma ci credo” è il titolo della serata-evento promossa a Sarno dall’associazione Concert Event in collaborazione con Kaidos.

Sport, solidarietà e spettacolo andranno in scena sul palco del teatro “De Lise” di piazza 5 Maggio.

Il giornalista Nello Odierna condurrà per mano i numerosi ospiti che rallegreranno il pubblico presente in sala.

L’iniziativa consentirà di raccogliere fondi per il Centro Laila di Castel Volturno, realtà benefica che assicura quotidianamente a decine di bambini il diritto allo studio, al gioco, un sostegno emotivo, una famiglia e, per quanto possibile, un po’ di spensieratezza.

Inframezzati dai momenti danzati del corpo di ballo Mari Ballet, interverranno decine di ospiti tra personaggi dello spettacolo, della musica, del giornalismo, dello sport e dell’associazionismo.

Gli ospiti

Parteciperanno Diego Armando Maradona jr, Roberto Sosa, Gigi Pavarese, Francesco Molaro, Denny Celentano, Alberto Selly, Mario Ferri “Il Falco” ed Antonella Leardi.

Non mancheranno altre importanti sorprese, assicurano gli organizzatori.

L’evento sarà trasmesso in diretta televisiva, a partire dalle ore 21.00, su Canale 95 al canale 95 del digitale terrestre.

Il titolo della serata di solidarietà è legato alla maglietta scaramantica “Non è vero ma ci credo” che Kaidos ha realizzato per i tifosi del Napoli, alla luce della fantastica stagione calcistica degli azzurri.

Appuntamento, dunque, questa sera al teatro “De Lise” di Sarno. Ingresso gratuito su invito.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts
Leggi tutto

Effetto domino nel dopo Ucraina?

L’invasione delle truppe russe in Ucraina ha avuto come conseguenza il ritorno di quell’unità di intenti fra i Paesi dell’Unione europea che negli ultimi anni si era affievolita a tal punto da far temere la conclusione irreversibile del percorso avviato al termine del secondo conflitto mondiale da Schuman, Adenauer, De Gasperi.