Non lasciamo soli i ragazzi e le ragazze

Proporre nuovi modelli di relazioni ai giovani richiede attenzione.
Giovanni Baggio

Lo aveva annunciato Adnkronos con un comunicato lo scorso 11 ottobre con un titolo compiaciuto: «Superman, il nuovo eroe è bisessuale». Così anche il fumetto entra nel vortice per dare il suo contributo ideologico.

Tra adulti forse questo sarebbe tollerabile, ma che si utilizzi un fumetto rivolto a preadolescenti ed adolescenti per proporre surrettiziamente il nuovo modello di relazioni, amicizia e sessualità con assoluta leggerezza e irresponsabilità, chiede un sussulto di attenzione.

Colpire così duramente e frontalmente su un tema identitario al centro del complesso sviluppo di quella età rivela solo spregiudicatezza e desiderio, perseguito con ogni mezzo, di indurre questa visione assai discutibile. Qui poi non si tratta di essere omofobi – delitto orrendo – si tratta invece di porre a tema in modo più serio la questione dell’identità sessuale.

Il mondo delle favole e dei fumetti ha imboccato una strada per noi, abituati ai racconti di un tempo, davvero irriconoscibile e a tratti pericolosa. Si introducono temi troppo seri per essere dati in pasto ai giovani e giovanissimi lettori, con la disinvoltura tipica di chi deve nascondere l’inganno. 

Di fronte allo strapotere dell’industria culturale paladina di queste nuove ideologie, le nostre famiglie non possono stare a guardare. La nostra Associazione ha espresso pubblicamente le proprie perplessità e richiamato le autorità preposte alla tutela dei diritti dei minori (Comitato Media e Minori, CNU, Garante per l’Infanzia). Ma non può bastare.

Occorre essere tutti meno distratti, capaci di cogliere anche queste provocazioni editoriali per farne oggetto di discussione in famiglia, a scuola, in parrocchia: è in gioco la nostra visione dell’umano, delle relazioni uomo-donna, dell’amore e della sessualità, della famiglia e dell’educazione. I ragazzi e le ragazze hanno diritto di capirci qualcosa di più. Il fumetto non può bastare.

Giovanni Baggio – Presidente Nazionale AIART –  www.aiart.org

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts
Leggi tutto

Tu che ne sai

"Che ne sappiamo se non viviamo quel disagio? Che ne sappiamo se, assolto l’obbligo materiale, continuiamo la nostra bella vita? Che ne sappiamo se non riusciamo a sbloccare l’amore di chi non si sente amato?" L'editoriale di Salvatore D'Angelo.