Estate a scuola

Il Piano Estate 2021 del Ministero dell’Istruzione.

Centocinquanta milioni di euro del Decreto Sostegni, 40 milioni per il contrasto delle povertà educative, 320 milioni di Fondi PON utilizzabili nelle aree con maggiori disuguaglianze economiche e sociali. Sono i numeri del Piano Estate 2021 per la scuola messi a punto dal ministero dell’Istruzione di concerto con il ministero dell’Economia e delle Finanze.

Un ponte per il nuovo inizio

«Siamo al lavoro per costruire un ponte per il nuovo inizio. Il Ministero è al fianco del territorio e degli istituti per promuovere questo nuovo percorso e accompagnare le scuole nel disegnarlo», ha dichiarato il ministro Patrizio Bianchi.  

Ma come si attuerà?  I progetti dovranno avere come obiettivo il contrasto della povertà e dell’emergenza educativa, la prevenzione della dispersione scolastica, la riduzione dei divari per garantire pari opportunità. 

Un piano articolato in tre fasi 

Il mese di giugno è stato dedicato al potenziamento degli apprendimenti con corsi che hanno mirato alle competenze di base, professionali o tecniche, laboratori di lingua, iniziative per l’orientamento accademico o professionale.

Nel periodo propriamente estivo (luglio e agosto) è previsto, invece, il recupero della socialità con eventi dedicati all’arte, all’ambiente, alla sostenibilità, e, quindi, cineforum, concerti, rappresentazioni teatrali, attività sportive e visite culturali.

A settembre, fino all’avvio delle lezioni, si punterà all’accoglienza e alla ripartenza dell’anno scolastico e si potranno organizzare, quindi, giornate di incontri, workshop e laboratori di supporto psicologico, sportelli informativi.

L’intento è nobile. Nulla è obbligatorio e la scuola ha risposto positivamente. Il rituale del saluto di congedo a giugno per rivedersi a settembre è solo un ricordo di qualche generazione fa.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati