Due film in uscita da segnare in agenda

Il 14 febbraio arrivano nelle sale cinematografiche italiane gli attesi “Finalmente l’alba” e “Past lives”
film in uscita

Dopo l’ottimo 2023 cinematografico, sia per qualità media delle opere che per gli incassi in risalita dopo la crisi susseguente alle chiusure per il Covid-19, il nuovo anno parte lentamente con un gennaio avaro di proposte interessanti.

Per i primi consigli del 2024, quindi, tocca spostarsi direttamente al giorno di San Valentino, tradizionalmente una data sfruttata dalle distribuzioni per proporre alle coppie in libera uscita un ventaglio ampio di nuove opere che possa convincerli ad orientare la serata sul cinema. 

I film in uscita

Ed è quindi proprio il 14 febbraio che esce il nuovo film di Saverio Costanzo, dopo i successi televisivi de “L’amica geniale” e nove anni di silenzio cinematografico. “Finalmente l’alba”, dal figlio del compianto Maurizio anche sceneggiato, è ambientato negli anni Cinquanta del secolo scorso e potrebbe configurarsi come un’ideale prosecuzione di “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi, successo dell’anno passato e ambientato nella decade precedente.

È il 1953 e il riferimento temporale è dato dal delitto Montesi, un caso di cronaca nera che scosse profondamente l’Italia dell’epoca. Come la sventurata Wilma, probabilmente vittima degli appetiti violenti di uomini facoltosi, la protagonista Mimosa entra nella tana dei lupi, sedotta da promesse di carriera nel cinema, e dovrà provare a uscirne dopo una notte di tregenda.

film in uscita
La locandina

Uno dei film più costosi della storia del nostro Paese, ulteriormente arricchito dalla presenza di star hollywoodiane come Lily James e Willem Dafoe

Sempre nel giorno dedicato agli innamorati arriva in sala “Past Lives” di Celine Song, una delle sorprese della scorsa stagione festivaliera.

Ammantato di autobiografismo, l’esordio della cineasta coreana (ma naturalizzata canadese e residente negli Usa) usa i canoni del cinema romantico per raccontare uno spaesamento e la perdita di codici e canoni culturali propri, obbligatoria per riuscire a vivere nel mondo globalizzato senza dimenticare le radici orientali, incarnate in un amore perduto. 

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati