Il Cate-Grest: fede e gioco per rendere speciale l’estate

Tema di quest’anno sono le emozioni, ispirato dal cartone animato Inside Out.

La carica dei 90 ha invaso il centro pastorale della Cattedrale san Prisco di Nocera Inferiore. In questi giorni novanta bambini e trenta educatori giovanissimi e giovani sono stati coinvolti dal parroco, don Vincenzo Spinelli, nell’esperienza del Cate-Grest: un esperienza di fede e gioco per riscoprire i valori cristiani.

Le attività iniziano al mattino presto e proseguono fino al pomeriggio per due settimane. Si concluderanno il 22 giugno.

Il GrEst è più di un centro estivo. È un’esperienza caratterizzata da un’intensa forza educativa, basata sulla convivenza di ragazzi di diverse età e animatori che insieme giocano, imparano, lavorano, si divertono e crescono con lo stile proprio dell’oratorio.

Si differenzia da altre proposte ricreative “laiche” per la sua particolare attenzione alla dimensione religiosa che traspare dal clima educativo, ma anche dalla proposta esplicita di Gesù Cristo nei momenti di riflessione e preghiera, ben armonizzati con il tema e la struttura organizzativa.

La strategia di base consiste nel coinvolgimento a tutti i livelli, dei ragazzi che si devono sentire protagonisti di una storia che loro stessi costruiscono giorno per giorno, con la collaborazione di animatori, adulti, genitori.

Le attività del Cat-Grest dell’oratorio della Cattedrale san Prisco di Nocera Inferiore

Tema di fondo del CateGrest della Cattedrale nocerina è il cartone animato Inside Out che permette di riscoprire tutte le emozioni che si muovono nel nostro cuore. Il seminarista Claudio Scisciola con entusiasmo è riuscito a coinvolgere educatori di Azione cattolica e catechisti per un cammino da fare insieme per crescere  nella fede.

Gli animatori con il parroco don Vincenzo Spinelli

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts
Leggi tutto

Violenza contro le donne: la storia di Imma. «Se non avessi avuto un lavoro non avrei mai denunciato»

Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne: «Se non avessi avuto un lavoro non avrei mai denunciato», la storia di Imma, vittima di violenza familiare per 17 anni. Un percorso difficile alle spalle, il suicidio di un figlio, l’impegno per le donne e l’invito a studiare: «Grazie allo scudo culturale posso affermare che quanto accaduto non è colpa mia».