Il Vescovo celebra per la pace in Ucraina

Sabato 5 marzo la Messa in Cattedrale con il cappellano degli ucraini-cattolici di rito bizantino e la comunità ucraina che vive sul territorio diocesano
Papa Francesco recita l’Angelus, impartisce la benedizione e saluta i fedeli presenti in piazza San Pietro con bandiere ucraine – Foto Vatican Media/SIR

Il Vescovo celebra per la pace in Ucraina. Sabato 5 marzo, alle ore 18.00, il vescovo mons. Giuseppe Giudice presiederà una Santa Messa per la pace in Ucraina. La celebrazione si terrà nella Cattedrale di San Prisco a Nocera Inferiore. Insieme al Pastore della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno ci sarà don Igor Stus, cappellano degli ucraini-cattolici di rito bizantino.

Santa Messa nei rifugi anti aerei – foto Chiesa greco-cattolica ucraina

La celebrazione vedrà la partecipazione della comunità ucraina residente in Diocesi e quella di quanti vorranno unirsi in preghiera per chiedere la pace. Il Vescovo ieri ha inviato un Messaggio per la pace nel quale ha scritto: «Diventiamo credibili artigiani di pace, costruendola prima dentro di noi e intorno a noi, cominciando a disarmare i nostri cuori. Affianchiamo in tutti i modi, con manifestazioni coraggiose e pacifiche, non emotive, il popolo ucraino che lotta per la libertà e la democrazia, e impariamo la lezione dalla dignità di questo popolo».

L’invasione russa dell’Ucraina ha suscitato angoscia e dolore, oltre che la più ferma condanna della Chiesa risuonata ancora una volta a gran voce nelle parole di papa Francesco e nella reazione delle comunità parrocchiali.

Molte hanno aderito all’appello del Santo Padre e stanno pregando perché alla popolazione dell’Ucraina siano risparmiate ulteriori violenze, adoperandosi in iniziative e raccolte di beni e farmaci per sostenere come possono i rifugiati e gli sfollati.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati
Leggi tutto

Chi pensa al bambino?

L’ordinanza del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che autorizza una donna a continuare una procedura di procreazione medicalmente assistita nonostante nel frattempo il suo matrimonio sia finito. Il parere dell'esperta di diritto di famiglia.