A Lourdes per imparare dalla bellezza di Maria

Il video dell’omelia del Vescovo durante la Messa di apertura del 49° pellegrinaggio diocesano a Lourdes
Grotta delle apparizioni – (Foto Siciliani-Gennari/Sir)

A Lourdes per imparare dalla bellezza di Maria. Con questo auspicio mons. Giuseppe Giudice ha aperto il 49esimo pellegrinaggio diocesano a Lourdes. In cinqueanta, questa mattina, sono partiti alla volta della grotta di Massabielles dove l’Immacolata concezione apparve a santa Bernadette.

Guidati dal Vescovo, i pellegrini saranno nella città mariana da oggi a domenica 29 agosto. Questa mattina la Messa di apertura si è tenuta nella parrocchia di Santa Maria delle Grazie in Casatori di San Valentino Torio,

Il video dell’omelia

Io sono l’Immacolata Concezione: la presentazione che la Vergine fa di sé alla piccola Bernadette nel 1858 è il nucleo della definizione del dogma di Papa Pio XI dell’8 dicembre 1854. Apparendo, Maria viene a confermare la parola della Chiesa”, scrive il Vescovo nel Messaggio per il pellegrinaggio.

“Immacolata Concezione – prosegue il Pastore – significa che Maria, unica tra le creature, per un prodigio divino nasce senza il peccato originale. Dio che è Onnipotente e può tutto, ha permesso che un giglio nascesse tra i cardi; Maria è la terra vergine che deve accogliere nel suo grembo il Figlio di Dio”.

Il Messaggio continua: “In vista dei meriti della redenzione operata da Gesù Cristo, mentre in noi la grazia guarisce la ferita del peccato, ha fatto sì che in Maria la piaga non fosse mai prodotta; in questo senso è Immacolata, creatura preservata dal peccato di origine, terra mai inquinata. Riprendiamo il cammino verso Lourdes, dove la bella Signora si è fatta vedere, e lo facciamo con timore e tremore in questo tempo ancora non facile”.

Un momento della Messa nella parrocchia di Santa Maria delle Grazie in Casatori di San Valentino Torio

Il riferimento al tempo pandemico fa scrivere a mons. Giudice: “Ci chiediamo: siamo diventati migliori, ci siamo convertiti? È tutto da verificare, anche se segni negativi in noi e intorno a noi, già emergono. È bene essere sempre molto prudenti e attenti per evitare contagi, a tutti i livelli. Per questo motivo ci rechiamo presso la Grotta luminosa di Massabielle per chiedere alla Vergine di aiutarci ed accompagnarci nella ripartenza, affinché il nostro non sia solo un pellegrinaggio in più, ma la tappa di un cammino di fede”.

Infine, l’affidamento a Maria: “A Colei nella quale il Signore ha guardato l’umiltà, chiediamo il dono di questa virtù senza la quale il cammino potrebbe interrompersi e non raggiungere la meta”.

Il pellegrinaggio è organizzato come sempre dalla PUACS, l’associazione fondata dal servo di Dio Alfonso Russo.

Total
13
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati
Leggi tutto

Un’attenzione speciale per i piccoli in tempo di Covid

«La guerra del Covid19, che stiamo combattendo da un anno – ha scritto mons. Giuseppe Giudice nella Nota Il desiderio di Gesù: mangiare la Pasqua con noi – lascia ferite profonde specialmente nei bambini, ragazzi, adolescenti e nei giovani. Sono ferite invisibili, come il virus, e quindi più difficili da vedere e da curare». Ma non vanno sottovalutate «se non vogliamo compromettere l’equilibrato sviluppo dei nostri piccoli».